TABELLAZZO
CosamalComune
ChiAndrea Cresti e gli abitanti del paese di Monticchiello (SI)
Quando10/08/2017
DoveMonticchiello (SI), Piazza del Teatro
Per quanto75 minuti
IL RESPONSO
Perché
Se fosse...un animale
...sarebbeun grillo

Mai dar nulla per scontato, monito che sempre dovrebbe campeggiar nella mente di chi s’arroga il diritto di fare critica. Accade così d’avviarsi lungo la Cassia battuta dal sole agostano: la Valdorcia, quest’anno, è ancor più terrosa e secca; il calore eccessivo ha tutto bruciato, prosciugato. Panorama ancor più affascinante, alla violenza del sole: nell’ocra arrossata dal tramonto, sul cucuzzolo d’un colle, un paesino minuscolo, ogni anno da cinquanta, si riscopre vivo grazie al teatro. Sceglie di non morire, riflettere e riflettersi, mettendosi in scena. Teatro come vita, per non soccombere: alla fame, alla modernità, alle ragioni (irragionevoli o comunque inumane) dell’economia.

Non parliamo, eppur sembra, d’utopie altisonanti, elfi rifugiati sui monti a finger l’inesistenza delle piogge acide (banalizziamo): diciamo di Monticchiello, paese di “persone normali”, inserite nel nostro tempo, ma che, dal 1967, rielaborano le questioni riguardanti la comunità mediante strategie teatrali. Ricavandone un autodramma, il teatro povero che, da decenni, calamita l’attenzione di critici, antropologi, studiosi.

Arlecchino, lo sapete, è balordo, disilluso: sibila e ghigna, demone linguacciuto, che tanto favor di stampa promana dagli incantevoli soggiorni per scribi e operatori. Il che, sia chiaro, non s’esclude: novelli Esaù, i critici spesso barattano recensioni a mo’ di primogeniture con pernotto-cena-inclusa. Quanti ne vediamo! Questo sentimento mentre ci incuneiamo tra i tufi, anche noi invitati e ottimamente ospitati: guardia alta in Piazza fu della Commenda, dal 2005 “del Teatro”. In estate, qui pulsa il cuore del paese intero, alla faccia di Pienza, capoluogo qualche miglio in là, ricco, celebrato, emblema d’una Toscana paralizzata a uso turistico, senza soppesar il rischio mortifero d’una pigrizia da posa.

Quello il sentimento, più felice la sorpresa: malComune, lavoro collettivo coordinato da Andrea Cresti, è un piccolo gioiello di teatro popolare. Concreto, nell’urgenza materiale di riflettere sulla precarietà economica e affettiva, ma onirico, per nulla scontato, nella sua traduzione drammatica. La scena è metafisica, con blocchi di pietra e oggetti iconici (le parti di un motore) sparsi a terra. Si piega così all’alternanza di due vicende narrate, svolte in tempi lontani: l’incertezza dell’oggi e la memoria, la ferita sociale della mancata unione tra contadini infertasi nel cuore della comunità decenni addietro. Andamento fluido e al contempo surreale, come in un dramma di Spregelburd, ma assai meno paraculo.

La recitazione è ovviamente diversa, non scolarizzata, ma tanto efficace di quella dei “professionisti”. Non siamo, e per fortuna, al pasolinismo d’accatto, ostensione grottesca ridotta a “effetto”: è una differente, consapevole, posizione rispetto al dilemma insolubile del rap-presentare. Questi attori, di cui risparmiamo i nomi a serbare la natura coreutica del lavoro, son bravi, non solo per il contributo collettivo d’uno sforzo lungo un anno, e mai sono assimilabili al prevedibile filodrammatico.

Non solo: malComune, con minuscole e maiuscole invertite, non riflette solo la realtà d’un villaggio che muore da mezzo secolo, ma specchia noi, il “nostro mondo”, nel mirabile passaggio alchemico che trasfigura il particolare nell’universale, processo che solo la buona arte riesce a realizzare.
Non artisti amatoriali, ma attori, costumisti, scenografi, trovarobieri, datori luci, e cuochi, organizzatori, camerieri, ché non di solo autodramma si pascono, e con loro gli spettatori, al punto che la Taverna del Bronzino costituisce complemento ideale alla visione. 

Saremo stati “comprati” anche noi, con un agriturismo e un cinghiale in umido? Liberi di pensarlo, ma non ci fareste giustizia.
Il prossimo anno, andate a Monticchiello.

Print Friendly, PDF & Email

malComune

ideato, discusso, realizzato e recitato
dagli abitanti attori del paese di Monticchiello (SI)
guida e regia di Andrea Cresti