TABELLAZZO
CosaRagazzi di vita
ChiMassimo Popolizio, Emanuele Trevi, Lino Guanciale
Quando25/01/2019
DoveMilano, Piccolo Teatro Strehler
IL RESPONSO
PerchéSì, oppure no
Se fosse...un intervento a un convegno sull'Italia del secondo dopoguerra
...sarebbecantato e ballato

Mettere in scena Ragazzi di vita, debutto narrativo di un Pasolini appena giunto a Roma (fine anni Quaranta), non è impresa semplice. Nonostante l’adattamento a cura di Emanuele Trevi, l’impressione, francamente, è di un’operazione non del tutto riuscita. A prescindere dai calorosi applausi di un Piccolo gremito, premio per una certa piacevolezza dello spettacolo, oltre all’innegabile affiatamento del gruppo di giovani diretti da Massimo Popolizio. La sensazione d’incompiutezza è la medesima avvertita a Roma, nel 2016, per la prima nazionale.

Il testo del romanzo, non neorealista ma rielaborazione poetica del parlato romanesco (un’operazione simile è quella che Giovanni Testori, nello stesso periodo, applica al milanese), viene declinato in una sorta di musical non paragonabile alla radicale trasformazione del linguaggio implicita all’opera originaria. L’operazione del romanzo era dirompente, disturbante negli anni di pubblicazione: riportarla in scena nel 2016, con dei giovani nella stereotipata parte dei borgatari, è soluzione facile quanto inefficace.

Non si risparmiano, sotto lo sguardo straniero dell’alter ego pasoliniano interpretato da Lino Guanciale, gli interpreti, impegnati a tirar fuori i tipi umani precedenti l’omologazione, ma la sensazione è da involontario telefilm a episodi, sin dalla rondine salvata che fa da contrappasso alla morte finale di Genesio, non salvato dal Riccetto. Per non parlare del furto in tram a ritmo di danza; il litigio al cinema mentre sullo schermo passa un kolossal in costume; la parodia del frocio che pare tratto da un B movie; l’Aprilia rubata che, alla fine, si sfracella con tanto di piume d’oca volteggianti; la parentesi agostana a Lido di Ostia con la Nadia a soddisfare i coatti; infine, la scena dei cani antropomorfizzati che si sbranano incitati dai padroni burini. Difficilmente Pasolini avrebbe potuto gradire consimili parodie, remote dai propri fini estetici.

Certo, occorre tradire il testo, reinventarne la lettura, per renderlo percepibile in scena, adesso. Vale per Pasolini, come per ogni classico, da Omero a Shakespeare. Proporli senza adeguate ricalibrature teatrali serve poco o nulla, ma il tentativo di rendere “piacevole” il risultato finale, a mo’ di musical, non rende onore al testo sorgente.

Abbiamo a che fare con un sistema che ha sacrificato dignità e umanità in favore di denaro e apparenza. Le ragioni, politiche ed estetiche, di Pasolini si fondavano sulla necessità di smascherare il genocidio culturale che investiva l’Italia di quegli anni, evidenziando la mutazione antropologica che altri non avvertivano minimamente. Egli stesso, che aveva scritto Ragazzi di vita appena dopo la radiazione dal PCI e il processo per oltraggio al pudore, scriveva sui giovani di buona famiglia: «Vi ritroverete vecchi senza l’amore per i libri e la vita, schizzinosi, complessati, razzisti borghesucci di seconda serie. La libertà sessuale che vi ha investiti anziché darvi leggerezza e felicità vi ha resi infelici e chiusi e di conseguenza stupidamente presuntuosi e aggressivi». Come ricordava lo studioso Gianfranco Contini, l’adozione del romanesco (idioma estraneo a Pasolini, bolognese d’origine friulana) è «un’imperterrita dichiarazione d’amore» nei confronti del mondo reale, antitetica e in profondo dissenso contro «l’estetismo novecentesco, intimistico e para-religioso».

Ecco, forse, quel che manca al lavoro diretto da Popolizio: la capacità di rievocare uno sguardo sui ragazzi di vita da cui origini un metalinguaggio con cui raccontare il mondo, la sua mutazione; ciò che Pasolini avrebbe poi ulteriormente dilatato nella successiva, mirabile produzione cinematografica.

Print Friendly, PDF & Email

Ragazzi di vita

di Pier Paolo Pasolini
drammaturgia Emanuele Trevi
regia Massimo Popolizio
con Lino Guanciale
e Sonia Barbadoro, Giampiero Cicciò, Roberta Crivelli, Flavio Francucci, Francesco Giordano, Lorenzo Grilli, Michele LisiPietro Masotti, Paolo Minnielli, Alberto Onofrietti, Lorenzo Parrotto, Cristina Pelliccia, Silvia Pernarella, Elena Polic GrecoFrancesco Santagada, Stefano Scialanga, Josafat Vagni, Andrea Volpetti  
scene Marco Rossi
costumi Gianluca Sbicca
luci Luigi Biondi
canto Francesca Della Monica
video Luca Brinchi e Daniele Spanò
assistente alla regia Giacomo Bisordi
produzione Teatro di Roma

CONDIVIDI
Sergio Buttiglieri
Si occupa di “interior design”, essendosi imbattuto in Starck, Toyo Ito, Enzo Mari, Ron Arad, David Chipperfield e altri tipacci flippati con la ridefinizione delle forme, ma, da sempre, non può fare a meno di scrivere di teatro, di quello meno allineato, più instabile e destabilizzante.