Archivio spettacoli > Scheda spettacolo

    Queen Lear, Dowie-Nina’s Drag Queen (2019)

    Travestiamo il Bardo: la versione queer di Lear | Recensione di Andrea Balestri del 06/02/2019

    Titolo: Queen Lear

    di Claire Dowie da Shakespeare
    musiche originali Enrico Melozzi
    ideazione Francesco Micheli
    regia Nina’s Drag Queens
    interpreti Alessio Calciolari, Gianluca Di Lauro, Sax Nicosia, Lorenzo Piccolo, Ulisse Romanò

    assistente alla regia Camilla Brison
    scene Erika Natati
    costumi Rosa Mariotti
    traduzione Michele Panella
    disegno luci Andrea Violato
    suono Alessandro Baldo
    preparatore vocale Elena Arcuri
    foto Valentina Bianchi

    co-produzione Aparte Soc. Coop., Teatro Carcano, Teatro Metastasio di Prato

    produzione musicale e edizione Casa Musicale Sonzogno
    distribuzione International Music and Arts
    con il sostegno di Fondazione Cariplo nell’ambito del progetto fUnder35 e delle residenze Kone Foundation (FI) e Kilowatt (IT)

    Queen Lear è un dramma musicale en travesti ispirato a Re Lear di Shakespeare, diretto e interpretato dalle Nina’s Drag Queens da un’idea di Francesco Micheli, scritto dalla drammaturga inglese Claire Dowie e musicato dal compositore italiano Enrico Melozzi.

    Lea Rossi è emigrata durante gli anni ’70 nel Regno Unito, dove ha aperto un negozio di giocattoli, la cui insegna recita “Lea R.”. Il tempo è passato e per l’anziana signora è giunto il momento di chiudere l’attività. Alle prese con il decadimento fisico e la senilità, si scontra con le tre figlie e la fedele amica Kent, che cercano di prendersi cura di lei.
    Nel solco della tradizione shakespeariana, è uno spettacolo popolare e alto al tempo stesso, che prende forza dalle contaminazioni tra i generi: la musica classica dialoga con composizioni musicali originali, pop e elettroniche; i blank verse si trasformano in poesie, rap, melologhi e canzoni. La maschera eclettica ed eccessiva della drag queen, caratteristica della compagnia, è la chiave perfetta per una declinazione contemporanea del fool shakespeariano.

    Print Friendly, PDF & Email