Free Porn manotobet takbet betcart betboro megapari mahbet betforward 1xbet Cialis Cialis Fiyat
    ARCHIVIO SPETTACOLI

    Attorno a un tavolo, Berselli-Pasquini (2018)

    Titolo: Attorno a un tavolo. Piccoli fallimenti senza importanza

    di Paola Berselli e Stefano Pasquini
    con Paola Berselli, Maurizio Ferraresi e Stefano Pasquini
    scenografia e costumi Teatro delle Ariette
    regia Stefano Pasquini

    produzione Teatro delle Ariette 2018

    Uno spazio scenico condiviso: una Cucina. Un grande tavolo al centro. Attorno ci sono tavoli da lavoro, forno, pentole, fornelli, taglieri e mattarelli.
    Paola, Stefano e Maurizio accolgono gli spettatori, li fanno accomodare attorno al tavolo e apparecchiano.
    “Per noi è sempre molto bello invitare gli amici a pranzo o a cena, però non è facile. Ci sono sempre troppe cose da fare, il tempo manca…”, dice Stefano.
    Così comincia la cena (o il pranzo) e i tre attori, servendo acqua e vino, focacce, formaggio, verdure e tagliatelle, raccontano storie di vita (di teatro, di agricoltura, di paura di volare, di amici e di cinghiali), esperienze personali, piccoli fallimenti apparentemente senza importanza, inquietudini che attraversano il nostro presente. Lo fanno con leggerezza, senza drammatizzare, piuttosto con la voglia di giocare. Nella Cucina-Teatro delle Ariette tentano di creare, per il tempo effimero dello spettacolo, una comunità provvisoria, forse ancora possibile.

    Il Teatro delle Ariette è nato nel 1996. La sua storia è raccontata nel libro “Teatro delle Ariette. La vita attorno a un tavolo”. Uno dei loro spettacoli più noti, Teatro da mangiare?, ha realizzato più di 1000 repliche. L’8 aprile 2017 il Deposito Attrezzi, costruito nel 2000 in mezzo ai campi delle Ariette, è diventato ufficialmente un teatro. In tutti questi anni la Compagnia ha cercato un dialogo serrato con il teatro, tenendosi ai margini, in equilibrio su quella linea di confine che separa il teatro dalla vita, lottando con la ‘forma spettacolo’, tentando di superarla, trasformando la vita nella prova infinita di uno spettacolo inimmaginabile.

    SGUARDAZZI/RECENSIONI