Free Porn manotobet takbet betcart betboro megapari mahbet betforward 1xbet Cialis Cialis Fiyat
    ARCHIVIO SPETTACOLI

    Le parole lievi, A. Punzo (2017)

    Titolo: Le parole lievi

    Le parole lievi
    Cerco il volto che avevo prima che il mondo fosse creato 
    preludio del nuovo lavoro della Compagnia della Fortezza
    ispirato all’opera di Jorge Luis Borges
    drammaturgia e regia Armando Punzo

    musiche originali e sound design Andrea Salvadori
    scene Alessandro Marzetti, Armando Punzo
    costumi Emanuela Dall’Aglio
    movimenti Pascale Piscina
    aiuto regia Laura Cleri
    assistente alla regia Alice Toccacieli
    aiuto scenografo Yuri Punzo

    collaborazione drammaturgica Giacomo Trinci, Lidia Riviello, Alice Toccacieli, Francesca Tisano, Salvatore Altieri, Fabio Valentino, Gaspare Mejri

    organizzazione generale Cinzia de Felice

    coordinamento Domenico Netti
    amministrazione Isabella Brogi
    cura Rossella Menna
    collaborazione amministrativa Giulia Bigazzi
    formazione Marzia Lulleri

    direzione tecnica Carlo Gattai
    light designer Andrea Berselli
    suono Alessio Lombardi
    video Lavinia Baroni
    foto di scena Stefano Vaja

    in collaborazione con VaiOltre!

    con Armando Punzo e gli attori della Compagnia della Fortezza Elidrissi Kamal Abdrrak, Wilifred Paull Herbert Aka, Salvatore Altieri, Sebastiano Amodei, Giuseppe Arena, Antonio Arienzo, Mohammad Arshad, Andrej Ayala, Said Bahy, Saverio Barbera, Nikolin Bishkashi, Pellumb Brhama, Paolo Brucci, Mario Cabras, Rosario Campana, Vincenzo Carandente Giarrusso, Maxwell Caratti, Diego Carvalhais, Roberto Cecchetti, Giuliano Costantini, Ismet Cuka, Pierluigi Cutaia, Elis Dedei, Luigi Di Giovanni, Lucio Di Roberto, Domenico Donato, Nicola Esposito, Vitale Esposito, Vincenzo Fagone, Faquan Fan, Giuseppe Galiano, Abbas Ghulam, Salvatore Giordano, Nunzio Guarino, Massimo Interlici, Ibrahima Kandji, Naser Kermeni, Kujtim Kodra, Carmelo Dino Lentinello, Hai Zhen Lin, Domenico Maggio, Angelo Maresca, Massimo Marigliano, Benedetto Marino, Paolo Marino, Giovanni Mazzola, Malaj Mbaresim, Gaspare Mejri, Ciro Oliva, Tarek Omezzine, Marian Petru, Ciprian Putanu, Hamadi Rezeg, Tip Sai Saiw, Mario Serban, Vitale Skripeliov, Vincenzo Sorio, Simone Tarantino, Lucian Tarara, Massimo Torre, Emanuele Valenti, Fabio Valentino, Alessandro Ventriglia, William Villanova, Sinan Wang, Tony Waychey, Carlo Zingarello

    percussioni live Quartiere Tamburi / Marzio Del Testa, Iago Bruchi, Riccardo Chiti, Lucio Passeroni, Andrea Taddeus Punzo de Felice

    e con i giovanissimi Yana Zoe Giuffrida, Marco Piras, Tommaso Vaja

    collaborazione artistica Elisa Betti, Eva Cherici, Gillo Conti Bernini, Adriana Follieri, Margherita Freidhof, Giulia Guastalegname, Daniela Mangiacavallo, Pier Nello Manoni, Marco Mario Gino Eugenio Marzi, Francesco Nappi, Marta Panciera, Eva Pistocchi, Luisa Raimondi, Eleonora Risso, Francesca Tisano, Carolina Truzzi

    assistenti stagisti Silvia Augusti, Claudia Calcagnile, Lorena Çoka, Luca Dal Pozzo, Francesca Lateana, Manuel Marrese, Alessandra Pirisi, Gianluca Russo

    produzione CARTE BLANCHE – CENTRO NAZIONALE TEATRO E CARCERE

    con il sostegno di MiBACT-Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – Regione Toscana – Comune di Volterra – Comune di Pomarance – Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra – Ministero della Giustizia C.R. Volterra

    Voglio sognare un uomo e imporlo alla realtà
    Jorge Luis Borges

    Il nuovo lavoro nasce come ideale prosecuzione dell’ultimo spettacolo dedicato all’opera di William Shakespeare. Nell’ultima scenaLui e il Bambino, il protagonista e il suo alter-ego, abbandonavano l’isola desolata, l’affresco di trame, intrighi e passioni in cui il Bardo avrebbe voluto imprigionarli per sempre. Dove vanno, ora, quei due? A cosa possono rivolgersi se non vogliono più restare in quel quadro che li vorrebbe imprigionati per sempre in un destino umano fatto della sostanza di un’eternità che sembra ripetersi uguale a se stessa senza scampo? Se non in questa vita, in quale? La scaturigine della nuova ricerca è questa smisurata domanda.
    Punzo e i detenuti-attori della Fortezza cercano nel vocabolario le parole lievi, quelle che si riferiscono all’universo dell’immateriale, impalpabile, invisibile, in potenza: le parole capaci di nominare il nuovo che ancora non esiste, un tema che non c’è (e non l’ennesima variazione su temi dati), quelle che designano le idee non ancora pensate, l’uomo che può ancora essere generato, il mondo in cui quei due possono abitare, un mondo in cui «il reale è solamente ciò che vede la maggioranza». Nei suoi racconti Borges incrina proprio il principio di realtà, allontana il lettore dal piano della quotidianità e della concretezza, costringendolo a smarrirsi nel mondo delle idee; nelle sue opere niente è attendibile, tranne quelli che lui stesso definisce «momenti buoni», quando l’Aleph si riversa nella terra e la terra nell’Aleph, quando il senso delle cose si manifesta d’improvviso e tutto insieme «in una notte unanime» o in «un bacio in Islanda». Alla resa dei conti, in un viaggio disseminato di labirintie finzioni, saranno gli attimi più impalpabili, più irreali, inafferrabili, eterei, i momenti di apertura, di sconvolgente libertà assoluta, a conquistare spazio maggioritario e guadagnarsi consistenza di realtà.

    Cosa è reale? È reale quella finestra? Sono reali quelle punte di ferro? Sono reali quelle mura che ci proteggono? E l’aria che si muove dolcemente oggi, e il cielo che guardiamo sempre poco, e il sole nostro padre e madre, tutore, angelo custode che nasconde la sua corruzione in miliardi di anni, e la mia mano, e la notte che la nasconde, e i mei occhi che non possono vedersi se non in un riflesso, e la schiena dell’altro che non sarà mai la tua e la ricorda e te la rappresenta per non darti da pensare, e il cuore che batte nascosto il suo moto vitale infinito, che ripete con le sue fragili forze quello delle stelle, delle acque che battono una riva, che fluiscono tra morbidi argini e ferme specchiano il Narciso di un attimo, e la luna che cresce, decresce fino a farsi dimenticare, e l’anima che non si trova tra le viscere, in nessun luogo situabile, e l’amore oltre noi, insostenibile, che svela la nostra incapacità, e lo sforzo di comprendere la natura che ci sfugge come una tenera gemma che appare al mondo, e il colpo di un artiglio crudele e giusto, e le umane vicende che si ripetono senza tempo, e il dolore che ci cerca? Questo attimo è reale, solo questo, quest’attimo che li condensa tutti e li nega, li sospende, quest’attimo che non potrai mai trattenere e la cui forma svanirà per sempre per apparire in altre forme mutevoli – Armando Punzo

    SGUARDAZZI/RECENSIONI