Free Porn manotobet takbet betcart betboro megapari mahbet betforward 1xbet Cialis Cialis Fiyat
    ARCHIVIO SPETTACOLI

    Made in China, Leviedelfool-Perinelli (2015)

    Titolo: Made in China - Postcards from Van Gogh

    di Leviedelfool
    drammaturgia e regia Simone Perinelli
    con Claudia Marsicano Simone Perinelli
    aiuto regia e consulenza artistica Isabella Rotolo
    musiche originali Massimiliano Setti
    produzione Fondazione Teatro della Toscana
     

    Una cartolina dall’Olanda: saluti da Parigi! Sotto: una foto di Hong Kong.
    Ecco il cortocircuito che prende vita e nella mente trasforma per qualche secondo un ombrellino cinese in un girasole in pieno stile “Van Gogh”. Due universi molto distanti, eppure vicino Honk Kong esistono fabbriche a cielo aperto interamente dedicate alla riproduzione di opere d’arte destinate al merchandising dei Musei. Tra le opere più gettonate “La Gioconda” di Leonardo da Vinci e “Dodici girasoli in un vaso” di Vincent Van Gogh.
    L’artista-operaio (olandese) e l’operaio-artista (cinese): da una parte la solitudine, la follia, il caso. Dall’altra la ricerca di un metodo infallibile per ripetere il caso, riprodurre miracoli a richiesta, una catena di montaggio in grado di pianificare la spontaneità.
    Due mondi distanti, persino geograficamente, a meno che non sia “il Genio” a colmare quella distanza, perfino al “prezzo” della propria vita.

    Note di regia di Simone Perinelli
    Lo spettacolo si svilupperà attraverso quadri, il cui flusso verrà interrotto da episodi a sé stanti che si esauriscono nel loro stesso compiersi. La ricerca scenica punterà a trovare delle note nuove circa il lavoro attoriale a due, cercando di contrastare quelle che sono le garanzie, ma anche i cliché, del rapporto uomo-donna sulla scena. Lo stile del tutto sarà suggerito dal titolo dello spettacolo. Richiamerà quell’universo kitsch ed effimero proprio dell’oggetto cinese a basso costo. E se è vero che tutto ciò che è Made in China ha una vita breve, anche lo spettacolo dovrà portare in sé il germe della deteriorabilità, andando ad esaurirsi come una luce al LED quando le batterie si scaricano. La vita all’interno della scena ricorderà quella vissuta nelle case arredate a basso costo.

    SGUARDAZZI/RECENSIONI