Free Porn





manotobet

takbet
betcart




betboro

megapari
mahbet
betforward


1xbet
teen sex
porn
djav
best porn 2025
porn 2026
brunette banged
    ARCHIVIO SPETTACOLI

    Ok Robot, Teatro delle Briciole (2017)

    Titolo: Ok Robot

    secondo capitolo della trilogia disumana: il presente

    di Beatrice Baruffini 
    con Simone Evangelisti, Agnese Scotti
    regia Beatrice Baruffini 
    assistente alla regia Yele Canali 
    ideazione luci Emiliano Curà 
    musiche originali Dario Andreoli  
    produzione Teatro delle Briciole

    Il presente era delle macchine. Erano dappertutto.
    Aiutavano gli esseri umani a ottenere risultati superiori a quelli che l’uomo avrebbe mai raggiunto da solo. Lo aiutavano ad essere più veloce, più forte, più preciso.
    E così, l’uomo era più felice.
    Tra le macchine una più di ogni altra incarnava la perfezione: Ok Robot.
    Dall’aspetto umano, dotato di un cervello positronico di ultima generazione, Ok Robot era il più evoluto della sua categoria.
    Il mondo si stava lentamente riempiendo di Ok Robot.
    Tutto si muoveva perfettamente e quando non era così, le macchine difettose venivano fatte allontanare immediatamente. Esisteva un posto dove le cose che non funzionavano più venivano buttate. Un limbo, un purgatorio, un non luogo dei difettosi. Ed è proprio lì che due Ok Robot si incontrano, dopo essere stati allontanati, senza sapere perché, dal mondo perfetto che altrove continuava ad andare avanti.
    Ok Robot è reale e poetico. È scienza e fantascienza. È quello che siamo o che diventeremo.
    È ciò che non riusciremo mai a essere. È meraviglioso.
    È meraviglioso, se visto con i nostri occhi.

    SGUARDAZZI/RECENSIONI