Free Porn manotobet takbet betcart betboro megapari mahbet betforward 1xbet Cialis Cialis Fiyat
    ARCHIVIO SPETTACOLI

    Teatro da mangiare?, Berselli-Pasquini (2000)

    Titolo: Teatro da mangiare?

    di Paola Berselli e Stefano Pasquini
    con Paola Berselli, Maurizio Ferraresi e Stefano Pasquini
    regia Stefano Pasquini

    produzione Teatro delle Ariette 2000

    Sì, al Teatro da mangiare? si mangia davvero, si mangiano le cose che facciamo dal 1989, da quando è cominciata la nostra vita di contadini.
    Si mangiano le cose che coltiviamo e trasformiamo nella nostra azienda agricola, che tiriamo fuori dalla nostra terra. Seduti attorno a un tavolo, preparando e consumando un vero pasto, raccontiamo a modo nostro la nostra singolare esperienza di contadini-attori, di vita in campagna e di teatro fatto fuori dai teatri.
    Teatro da mangiare? è stato concepito in una cucina, la cucina della nostra casa delle Ariette. Noi facevamo le tagliatelle e intanto parlavamo con Armando Punzo e Cinzia de Felice che si erano fermati a dormire a casa nostra dopo lo spettacolo della sera prima.
    Teatro da mangiare? ha debuttato a Volterrateatro il 18 luglio 2000 e in questi anni si è comportato come un vero e proprio organismo vivente crescendo, maturando e arricchendosi dell’esperienza di oltre 1000 repliche in giro per l’Italia e l’Europa.
    Da allora tante cose sono cambiate nella nostra vita, ma la forza contagiosa di questo ‘autoritratto’, di questa pubblica confessione autobiografica, continua a sorprenderci.
    Siamo indubbiamente noi gli autori-artefici di questo spettacolo, ma c’è qualcosa che ci sorpassa, che lo rende autonomo, libero, di tutti e di nessuno.
    Attorno al grande tavolo dove ci ritroviamo, attori e spettatori, a condividere il tempo di un pranzo o di una cena, succede qualcosa che non siamo in grado di spiegare. Si compie un rito così profondamente umano da catapultarci nel cuore del nostro presente, nell’attimo assoluto del ‘qui e ora’, senza mediazione, nell’evidente e disarmante verità delle nostre vite.

    SGUARDAZZI/RECENSIONI