ARCHIVIO SPETTACOLI

    Trittico della guerra, Guinea pigs (2016)

    Titolo: Trittico della guerra

    ideazione e regia Riccardo Mallus
    drammaturgia Giulia Tollis
    di e con Letizia Bravi, Marco De Francesca, Francesco Martucci, Federico Meccoli
    composizione sonora Gianluca Agostini
    movimento scenico Betti Rollo
    costumi Laura Dondi
    organizzazione Sara Troiani
    produzione Guinea Pigs
    in collaborazione con ERT per la residenza a Villa Pini, Bologna
    con il sostegno di Armunia, Castiglioncello, Livorno
    con il sostegno del Progetto Residenze Creative al Garybaldi/Santibriganti Teatro, Torino
    Premio Giuria Giornalisti @ Giovani Realtà del Teatro 2015, Udine
    Premio Miglior Performance Teatrale @ Festival Young Station, Montemurlo

    Lo spettacolo si articola in tre quadri autonomi con un tema d’indagine comune: le guerre contemporanee, nascoste e invisibili, che la società non riconosce come tali. Sfruttamento del lavoro e moderna schiavitù, violenza gratuita e bullismo, il corpo della donna come territorio di conquista sono le guerre che i Guinea Pigs raccontano in una visione scenica fondata sul rapporto tra recitazione, composizione sonora, drammaturgia e movimento. Nel primo quadro, Mosche sul miele, una donna cammina su una strada sterrata, circondata da braccianti al lavoro nei campi, mentre due uomini a una pompa di benzina attendono un verdetto. Nel secondo, Un angolo di buio, due ragazzi, battezzati dall’autore Arlecchino e Colombina, sono vittime di un gioco violento e crudele sullo sfondo di una periferia metropolitana, tra marciapiedi e cemento. Nel terzo, La regola del branco, tre anonimi lui trentenni ordinano una escort a domicilio per un’orgia low cost, e così una seduta di sesso a pagamento diventa territorio di battaglia di fantasmi e paure, ossessioni e desideri.

    SGUARDAZZI/RECENSIONI