Chi (non) siamo

Arlecchini giungemmo, bandiere conce, nulle maschere, sghignazzi a josa. Linguacciuti e incerti, dubbiosi e sottrattori, servitor di più padroni, schiavi a nessuno. Comici non più, guardatori di, semmai. Col vezzo di praticare arti dismesse o inflazionate, fuori tempo, fuori causa, fuori gioco, fuori squadra, con diligenza (scherzo non è, neppure cosa seria) e con la (scarsa) eleganza che ci contraddistingue.

La redazione

Alessandro CeiAlessandro Cei

Classe 1982. Musicista, cantautore, educatore. Supplente nella scuola dell’infanzia e primaria, si occupa di canzone d’autore, musica, tradizione orale e teatro. Laureato due volte con tesi sul teatrocanzone di Gaber e Luporini, crede in Bob Dylan e nella fatica.

Andrea BalestriAndrea Balestri

Non è il Pinocchio di Comencini. Codesto solo oggi possiamo dirti.

Carlo TitomanlioCarlo Titomanlio

È una persona serissima.

Francesca CecconiFrancesca Cecconi

Da attrice a fotografa di scena per approdare alla mis en espace delle proprie critiche. Under35 precaria con una passione per la regia teatrale. Ha allestito una sua versione di Casa di bambola di Ibsen. Se fosse un’attrice: Tosca D’Aquino per somiglianza, Rossella Falk per l’eleganza, la Littizzetto per “tutto” il resto.

Gemma SalvadoriGemma Salvadori

Nata a Volterra nell’inverno del 1992, vive lì, studia a Pisa. Sogna di vivere in un attico con un cane e quattro gatti: tutto molto bello ma davvero poco interessante. Fuma e scrive su un’ agenda bancaria più vecchia di lei rivestita con la carta da parati della nonna del suo vicino di casa.

Giacomo VerdeGiacomo Verde

Autista, facchino e trovaroba.
Giacomo Verde sopravvive occupandosi di teatro, video e arti visive dal secolo scorso. Riflettere sperimentando ludicamente sulle mutazioni tecno-antropo-logiche in atto e creare connessioni tra i diversi generi artistici è la sua costante.

Igor VazzazIgor Vazzaz

Toscofriulano, rockstar egonauta e maestro di vita, si occupa di teatro, sport, musica, enogastronomia. Scrive, suona, insegna, disimpara e, talvolta, pubblica libri o dischi. Il suo cane è pazzo.

Marco MagurnoMarco Magurno

Si occupa di comunicazione visiva, design grafico e web. È autore di “Diorama” (Il Saggiatore, 2016).

Maria FelicianoMaria Feliciano

Docente di musica e discente in discipline dello spettacolo, ha un passato da pianista, moglie e madre di cui si sta, progressivamente, sbarazzando. Lo fa andando a teatro, scrivendone e, talvolta, cucinando per oltre dieci persone.

Sara CasiniSara Casini

Sedicente studentessa universitaria appena entrata nei twenties, nella realtà ha almeno il doppio degli anni e il triplo della malvagità dimostrate dagli occhioni azzurri e il sorriso inoffensivo. Suona, canta, scrive e fa molte altre cose, per l’invidia dei più.

I collaboratori

Anna SolinasAnna Solinas

Sulla soglia dei 30, si interessa di teatro e danza contemporanea, che frequenta da interprete oltre che da spettatrice. Pecca d’ingenuità, nutrendo un’ingiustificabile fiducia nel genere umano: per porvi rimedio, ha iniziato a cimentarsi nella critica. Prendendoci gusto.

Cataldo RussoCataldo Russo

Numero nove dell’A.S Mirò, ha rinunciato alla sua carriera di calciatore di serie A per dedicarsi al teatro, senza perdere la speranza di compiere un giorno il percorso a ritroso.

Chiara SchepisChiara Schepis

(non) qualificata fotografa di “scene” con la penna rossa.

Edoardo BarcaglioniEdoardo Barcaglioni

Realizza siti web e app, ma si occupa anche di rugby a vario titolo. Quando non è davanti a un monitor, o su un campo da rugby, tifa Viola.

Francesco TomeiFrancesco Tomei

Autoironico gemello diverso (da quello serioso accademico), nasce sui monti di Barga, è laureato (due volte) nonché organizzatore teatrale. Approda a LSDA nel bel mezzo d’una metamorfosi da Pulcinella in dottore di ricerca. Si divide fra critica, canzoni (da scrivere) e archivio (da contemplare).

Luca PaoliniLuca Paolini

Ubiquo e sfuggente personaggio dell’immaginario nord-toscano, si dice sia un’identità fittizia sotto cui operano varie organizzazioni malavitose dedite a controverse e irriferibili attività. Appare e scompare come musicista, precettore, critico teatrale e “barrista”, ma sono tutte coperture.

Mariangela MiloneMariangela Milone

Classe? ’86. Segni particolari: nessuno. Un regista disse: «che talento!» (mentre lei puliva)… Oggi? Prova a galleggiare sulle acque dello studio o a tuffarsi di testa in sporadiche apparizioni. Abruzzese come un pastore ma priva del suo fiuto, s’aggira indaffarata come ricercatrice e in balia di sé stessa come un turacciolo.

Martina ParentiMartina Parenti

Toscana trapiantata a Milano per noia e vil pecunia, nella vita recluta recensori teatrali recitando da addetta stampa. Scrive solo su costrizione e collabora con la Radio Svizzera commentando, in un pugno di minuti, novità letterarie. Alleva malvagi gattini che si ostina a chiamare “pizzicottini”.

Sergio ButtiglieriSergio Buttiglieri

Si occupa di “interior design”, essendosi imbattuto in Starck, Toyo Ito, Enzo Mari, Ron Arad, David Chipperfield e altri tipacci flippati con la ridefinizione delle forme, ma, da sempre, non può fare a meno di scrivere di teatro, di quello meno allineato, più instabile e destabilizzante.

Valentina PierucciValentina Pierucci

Più evanescente di Renato Vallanzasca, meno raggiungibile di Bill Gates: ma ha lo sguardo di una Leni Riefenstahl che sogna di essere Dianora Niccolini (o viceversa).

Viola GiannelliViola Giannelli

Nella vita, fa, ha fatto o fece un sacco di cose tra cui: due figli, un libro (altri ne seguiranno: di libri, sui figli non si scommette), l’università, il conservatorio e altre amenità che riempirebbero due o tre esistenze. Ama il teatro, la lirica, la letteratura e ha persino senso dell’umorismo.

Proseguendo nella navigazione del sito o scroll della pagina, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie, oppure cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi