TABELLAZZO
CosaCorrispondenze
ChiClaire-Lise Daucher e Anne Palomeres
Quando09/06/2015
DoveLucca, Real Collegio
Per quanto45 minuti
IL RESPONSO
Perché
Se fosse...un oggetto
...sarebbeun prezioso portagioie

Uno spettacolo delicato, prezioso, sottile e leggero come un sussurro questo Corrispondenze che chiude la seconda giornata di spettacoli per I Teatri del Sacro. La scena è nuda, contraddistinta dal nero dei fondali, occupata parzialmente da tre sedie e due figure femminili. Sorelle, tanto vicine quanto lontane: l’una (Claire-Lise Daucher) è assorbita da una vita intensa fatta di viaggi aerei, impegni professionali, uomini senza volto a intiepidirne le notti; l’altra (Anne Palomeres) s’è data a una vita non meno intensa, quella della vocazione monacale, il suo quotidiano stupore, la concentrazione sulle occupazioni di una quotidianità monastica.

Storie parallele, in apparenza, come i binari d’una comunicazione epistolare che si fa monologo alternato: una parla (ossia scrive), l’altra risponde (scrivendo a sua volta), in un fluido dialogo a differimento temporale. Se le voci mai si fondono, lo fanno, però, i corpi, morbidi e flessuosi abitanti d’uno spazio riempito dalla loro quieta presenza.  La partitura gestuale è delicata e potente, specie nelle sequenze in cui prevale la presenza di Palomeres, novizia in attesa. I gesti sono spesso echeggiati, doppiati ed eseguiti assieme, nello sfioramento dei corpi che prelude una vicinanza spirituale in grado di travalicare quella fisica. Non è virtuosismo coreutico, ma efficace opzione di esemplificazione emotiva a tratti struggente, mai meramente esteriore.

Con parole e gesti, si raccontano, ognuna dal proprio punto d’osservazione sul mondo, ognuna recando in dote le proprie novità, siano esse il termine del noviziato o un’inattesa gravidanza accettata con grazia. Si allude a un dolore comune, una sorella scomparsa prematuramente, ulteriore occasione di saldatura affettiva. E, nel confronto tra le due donne, non è affatto sicuro che la “reclusa” sia tale, o abbia meno da raccontare rispetto a colei che ha scelto di “succhiare” il mondo affastellando un’esperienza dietro l’altra. Strana parola, esperienza: forse la scelta consapevole di un ritiro dalla mondanità può non dirsi tale? Convinzione puerile, brillantemente risolta da una drammaturgia ben calibrata (a cura di Manuela Correros e Robert Aldorasi, su testo di Francesco Niccolini), cui si applicano una regia e un piano coreutico di fusionale dolcezza.

Quaranta minuti circa, tutti ben impiegati, densi, puri, per un autentico respiro al termine di una giornata di festival altrimenti non del tutto convincente.

Print Friendly, PDF & Email

Corrispondenze

con il sostegno di Ammirato Culture House
con Claire-Lise Daucher e Anne Palomeres
regia Roberto Aldorasi
drammaturgia Manuela Correros e Roberto Aldorasi
testi Francesco Niccolini
coreografie Claire-Lise Daucher e Roberto Aldorasi
musiche Francesco Agnello