Free Porn manotobet takbet betcart betboro megapari mahbet betforward 1xbet Cialis Cialis Fiyat

Sarà un paese per vecchi, il “Futuro Anteriore” di Ferrara Off

Sguardazzo/recensione di "Futuro Anteriore"

-

Cosa: Futuro Anteriore
Chi: Matilde Buzzoni, Antonio De Nitto, Gloria Giacopini, Matilde Vigna, Giulio Costa, FerraraOff
Dove: Lucca, Teatro del Giglio
Quando: 24/11/2021
Per quanto: 55 minuti

Voiced by Amazon Polly

La scena è sgombra, nuda: s’intuisce la presenza laterale di qualche arredo, un tavolo, una poltrona, più alcuni oggetti non del tutto distinguibili. Un’attrice, Gloria Giacopini, raggiunge il centro: impugna un leggio, piazzandosi in proscenio. Parla rivolta al pubblico, come quando, secondo le consuetudini di certa commedia all’improvvisa, s’usava dichiarare l’argomento della recita: siamo, non da ora, una nazione a crescita zero, situazione che alcuni demografi definiscono unicum irreversibile e, se non fosse per la parziale azione di riequilibrio garantita dai fenomeni migratori, già da tempo saremmo, come saremo senz’altro, un paese di vecchi.

Il punto, sottolinea Giacopini, è come tale prospettiva sia tutt’altro che inerte: anzi, chiamerà in causa modifiche profonde della nostra vita sociale, dai particolari più banali legati al traffico stradale sino alla conformazione delle nostre case. La sfida di Futuro Anteriore è, dunque, immaginare come possa essere un mondo popolato in prevalenza da anziani: attraverso i corpi, le voci e le azioni dei quattro performer (oltre a Giacopini, Matilde Buzzoni, Antonio De Nitto e Matilde Vigna) ecco prendere corpo una messinscena sinuosa, all’insegna della fluidità, dove sono gli attori a dettare tempi, modificare lo spazio, dar vita a quadri che slittano l’un dentro l’altro senza soluzione di continuità. Lo spettacolo di Ferrara OFF proietta lo spettatore in un dedalo di situazioni, da un lato quotidiane, tristemente usuali, dall’altro rese eclatanti dall’ostensione scenica, come se la proiezione teatrale potenziasse ulteriormente il portato emotivo dell’accadente. La cocciutaggine capricciosa dell’anziano renitente agli aiuti che va incontro all’infortunio domestico, le numerose circostanze nosocomiali, ora amarissime ora agrodolci, aprono lo squarcio su realtà ben conosciute dalla maggior parte del pubblico (avere a che fare con anziani è cosa comune), senza mai perdere una misura delicata, pur non ignara d’un qualche humour. 

Si ha la sensazione che lo spettacolo punti molto, forse troppo, sul contenuto, certo interessante, ma, a nostro avviso, mai del tutto dirimente: piuttosto, in una certa coazione a ripetere si ha la sensazione d’un rischio evitabile, quello d’una sostanziale prevedibilità, quasi mancasse uno scarto, un salto di qualità sul piano dell’immaginazione. Anche perché, se proprio dovessimo discutere l’assunto da cui parte la drammaturgia di Margherita Mauro, rimarcheremmo l’assenza di una riflessione a proposito della tecnologia: limitandoci all’(ex ricco, ma comunque avanzato) occidente, ogni prospettiva d’avvenire che non tenga conto dei progressi sia nel campo dell’assistenza personale sia nel rallentamento dei processi di degenerazione fisica, rischia di suonare sin troppo parziale. Nondimeno, lo scarto di cui sopra, proprio nella scena finale, arriva eccome, ed è qualcosa che accade, in particolare, nella recitazione di Matilde Vigna: un momento di teatro, di teatro autentico, in senso morgantiano, e cioè qualcosa di piccolo, di imprevedibile, di fragilissimo, eppure prezioso, incommensurabile. Nell’ultimo slittamento, complice tutto il quartetto d’interpreti, è come se la scena subisse una scossa, un’esitazione sospesa su un abisso, immediatamente assorbita dalla conclusione, come fosse un abbraccio. Impossibile, e non per l’illusorio e insensato stigma dello spoiler, dire di più: quel che è ineffabile non vuol descrizioni.

Si resta colpiti, alfine, di come possa essere sufficiente un bagliore di teatro per schiarire un’ora intera di spettacolo, fenomeno a suo modo intimo e minuto, perfettamente in linea, dunque, con il tema dichiarato (l’intimità, appunto) della rassegna Lucca Visioni, promossa dal Teatro Del Carretto. Applausi.

VERDETTAZZO

Perché:
Se fosse... qualcosa da mangiare sarebbe... il cuore al cacao in fondo a un cono gelato

Locandina dello spettacolo



Titolo: Futuro Anteriore

drammaturgia Margherita Mauro
regia Giulio Costa
con Matilde Buzzoni, Antonio De Nitto, Gloria Giacopini, Matilde Vigna
produzione Ferrara Off
con il sostegno di MiBAC e SIAE, nell’ambito dell’iniziativa Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura


FUTURO ANTERIORE è uno spettacolo sul futuro. Un futuro senza spade laser, alieni e tute spaziali, ma con girelli, apparecchi acustici e reumatismi. Lo spettacolo nasce dall’idea che con il progressivo innalzamento dell’aspettativa di vita, un giovane di oggi si troverà verosimilmente a trascorrere quasi metà della propria esistenza nella cosiddetta età avanzata. Infatti, grazie alle continue scoperte scientifiche, nel corso dell’ultimo secolo la speranza di vita è più che raddoppiata, passando da 31 anni di media a inizio Novecento a 71 anni nel 2014 – e si prevede che nel 2030 si arriverà addirittura a superare i 90 anni. È da questo contesto di progressivo invecchiamento demografico che prende le mosse FUTURO ANTERIORE: partendo dall’idea che una vecchiaia diversa è possibile, quattro giovani attori immaginano prospettive di terza età alternative, con anziani fuori dalle case di riposo, non più ai margini della società, né ai confini con la realtà. Il percorso di creazione di Futuro Anteriore è documentato in un diario di viaggio sotto forma di blog. https://www.youtube.com/watch?v=7WK0q54FYjg

Igor Vazzaz
Toscofriulano, rockstar egonauta e maestro di vita, si occupa di teatro, sport, musica, enogastronomia. Scrive, suona, insegna, disimpara e, talvolta, pubblica libri o dischi. Il suo cane è pazzo.