Free Porn manotobet takbet betcart betboro megapari mahbet betforward 1xbet Cialis Cialis Fiyat

Il segreto del matrimonio: la follia?

Sguardazzo/recensione di "Matrimonio segreto"

-

Cosa: Matrimonio segreto
Chi: Gogmagog, Virginio Liberti, Rossana Gay, Carlo Salvador
Dove: Castiglioncello (LI), Castello Pasquini
Quando: 5/07/2015
Per quanto: 60 minuti

Se la riflessione sulla vita causa l’inevitabile riflessione sulla morte, l’analisi di un rapporto non può che iniziare dalle fratture che ne intaccano la superficie. È infatti di vita e di morte, di amore e di odio rabbioso che parla Matrimonio segreto (prima nazionale), messo in scena dal gruppo Gogmagog su testo di Virginio Liberti.

La riflessione si tiene su due piani interpretativi paralleli o sovrapposti: morte o follia? L’azione (in forma dialogica) si svolge, infatti, a seguito della presunta morte di lei, che, sparita un’istante, ricompare affermando di essere deceduta per tumore ai polmoni; ma il dialogo, paradossale, ironico, non chiarisce mai l’effettivo decesso.

Non siamo riusciti a cogliere il significato del titolo, certo il matrimonio rappresenta la relazione tra i due personaggi recitanti, ma a cosa rimanda la segretezza? Esclusa la possibile relazione con Cimarosa, rimaniamo nel dubbio, osservando il tutto dalle gradinate.

La scenografia è composta da una mostra fotografica, o forse si tratta di quadri? In ogni caso, le opere di Graziano Staino rimandano a sofferenza e forse morte, inquietudine.

gogmagog-Matrimonio segretoLui (Carlo Salvador) parla, lei (Rossana Gay) ripete le ultime parole, lui tenta ancora di trovare un dialogo, lei rimane distante: le prime battute paiono un ribaltamento della vicenda di Narciso ed Eco, in cui la ninfa non sia affatto presa da passione travolgente bensì utilizzi la voce per allontanare l’amato. La morte è affrontata con ironia, l’intera vicenda è venata di un umorismo ricercato, in un modo che, talvolta, ci pare eccessivo; o, forse, eccessiva è la pretesa di una riflessione tragica a fronte di una situazione paradossale come quella proposta.
Paradossale è la morte presunta, il fatto che i due attendano che si liberi un posto nelle schiere celesti in modo che l’anima di lei ascenda, cessando di tormentare con il proprio nervosismo un marito troppo distratto.

Ma torniamo alla presunta riflessione dai tratti tragici: seppur troviamo naturale che la comicità si leghi ad aspetti dolorosi dell’esistenza, riteniamo che il dolore sia connesso al comico, e non necessiti di essere esplicitato, imponendo una riflessione cosciente.

Perciò ci è parso leggermente dissonante che i toni, sempre leggeri, si siano scuriti violentemente nel momento in cui si tratta la (mancata) maternità: l’aborto diviene l’incrinatura della relazione, considerazione interessante, ma che ci è parsa quasi banale nella sua espressione tragica.

Si narra dunque la sofferenza di una non-madre il cui sogno di maternità si rivela illusione, l’incomunicabilità figlia del dolore, o forse della follia che ne consegue. Si rimane sospesi sul filo che separa vita e morte, con dialoghi surreali, talvolta quasi insensati, concatenati l’uno all’altro grazie ad anelli di fragile inconsapevolezza. Arriva un momento in cui la narrazione, sempre uguale a sé stessa (il che non è obbligatoriamente un difetto, dal momento che evidenzia una lodevole coerenza linguistica), pare variare: lei è stesa su una panca, lui la guarda, e per un istante l’immagine ricorda quella della dostoevskijana “mite”, che sia davvero morta? Che il dialogo tra i due sia soltanto un’allucinazione, figlia anch’essa di un dolore indicibile?
Ma la scena riprende, i dialoghi tornano a tessere la trama relazionale, e l’equivoco resta insoluto.

VERDETTAZZO

Perché: Sì, oppure no
Se fosse... un gatto sarebbe... sull'Aurelia, tra la vita e la morte

Locandina dello spettacolo



Titolo: Matrimonio segreto

Testo di Virginio Liberti
Regia: Tommaso Taddei
Con: Rossana Gay e Carlo Salvador
Luci: Antonella Colella
Mostra fotografica: Graziano Staino
Produzione: GOGMAGOG, con la collaborazione di FESTIVAL INTERNAZIONALE TEATRO AZIONE, INEQUILIBRIO FESTIVAL, TEATRO STUDIO KRYPTON e con il sostegno di Regione Toscana-Sistema Regionale dello spettacolo.


Osserviamo le dinamiche sentimentali e di convivenza di una coppia contemporanea. Assistiamo a un frammento della loro storia e li cogliamo mentre visitano una mostra fotografica, in un luogo pubblico, lontani dalle private e quotidiane mura domestiche, in una stanza virtuale delineata dalle immagini realizzate dall'artista Graziano Staino.

Alle spalle hanno un anno difficile e un'esperienza lacerante ancora da metabolizzare. Amore e odio, indifferenza e passione, follia e ragione, vita e morte si intrecciano in un dialogo a tratti assurdo, surreale, divertente.

Matrimonio segreto affronta un deragliamento, un trauma, ma anche la volontà di muoversi, di guardare avanti, al futuro. Il dolore è una macerazione, ma la sua funzione è anche quella di far reagire, imprecare, rompere le situazioni cristallizzate, indurre a ricercare altro, morire a quello che si è. La morte infondo non è altro che trasformazione e fortunatamente si muore di continuo.

Sara Casini
Sedicente studentessa universitaria, apparentemente giovane: nella realtà ha almeno il doppio degli anni e il triplo della malvagità dimostrate dagli occhioni azzurri e il sorriso inoffensivo.