Free Porn





manotobet

takbet
betcart




betboro

megapari
mahbet
betforward


1xbet
teen sex
porn
djav
best porn 2025
porn 2026
brunette banged

La nuova Anna Marchesini si racconta. Questo teatro s’ha da fare

Sguardazzo/recensione di "Cirino e Marilda non si può fare"

-

Cosa: Cirino e Marilda non si può fare
Chi: Anna Marchesini , Aire de Mar
Dove: Firenze, Teatro della Pergola
Quando: 23/03/2016
Per quanto: 80 minuti

Anna Marchesini ritorna a “casa”, nel “suo” palcoscenico, a sette anni di distanza dall’ultima apparizione con il riadattamento di Giorni felici di Samuel Beckett. Torna come narratrice di sé stessa, ovvero della narrativa scritta di suo pugno, variopinta, un’accorata e lirica ritrattistica di esistenze minute, apparentemente invisibili perché non lasciano segni tangibili nel corso della grande storia, ma annaspano ardendo dei propri desideri, in quella sommersa, ai margini della società industrializzata del secolo scorso. C’è un prima e un dopo, che segna inevitabilmente una svolta nella sua carriera di attrice comica di successo, anche mediatico e televisivo. La malattia, che l’ha visibilmente colpita nel fisico e nella vocalità ma non nell’animo, segna il giro di boa per una carriera in trasformazione, da attrice a scrittrice per poi tornare al teatro come attautrice, con una nuova linfa vitale, di cui appare pienamente consapevole. Dice di sé: «sono obesa di vita, ne sono così interessata che mi interessa anche la morte».

Anna Marchesini, 'Cirino-e-Marilda-non-si-puo-fare' (sito Pergola)Scritto appositamente pensando al teatro, Cirino e Marilda non si può fare è l’ultimo episodio di Moscerine (2013), il libro di racconti proveniente dalla penna arguta dell’artista e popolato da figure d’altri tempi, insolite, goffe, come quella del professor Cirino Pascarella, cinquantenne scapolo ingrigito e apatico, ritiratosi in una modesta pensione governata dalla mastodontica Olimpia, una megattera, come la definisce la stessa Marchesini che vorrebbe vedere la figlia racchia e spilungona, la Marilda, accasarsi con l’inavvertito e timido docente. Se madre e figlia ricalcano la verve comica naturale dell’attrice, quella più romanesca e caciarona tipica di tante sue macchiette, la figura di Cirino fa da contraltare rappresentante il nuovo afflato poetico dell’autrice.
L’artista orvietana racconta con un piglio tutto suo il desiderio dell’altrove, il surreale, la nostalgia per una vita solo sfiorata, accarezzata, mai vissuta a pieno dai suoi “moscerini”, la fame querula di vita che contrassegna ogni essere umano, in eterna lotta fra ciò che siamo e ciò che avremmo voluto essere. Nelle sue pagine si ritrovano molti temi dei classici tra narrativa e drammaturgia, filtrati attraverso uno sguardo vispo, da leggere immaginando l’andirivieni della sua voce cantilenante, fiorita nelle sue inconfondibili ascendenze vocali che fanno parte della sua comicità naturale.

Anna Marchesini, 'Cirino-e-Marilda-non-si-puo-fare' (sito teatro sociale sondrio)A Cirino Pascarella, che ha scritto la propria intera esistenza di un inchiostro sbiadito, è concesso il miracolo. Si riaccende la sua fame di vita grazie a un evento apparentemente insignificante, una luce nella notte alla finestra di fronte, l’epifania in carne e ossa nella figura di un giovane dirimpettaio che popola le sue nottate delle emozioni di una vita mai vissuta. Così inizia il nuovo viaggio del professore raccontato in un palcoscenico spoglio: Marchesini, eroicamente chisciottesca nel suo poetare epico, seduta al centro della scena, cantastorie nell’intimità di una serata passata davanti al focolare dai paesani d’altri tempi, accompagnata dalle musiche del trio jazz Aire de Mar, la chitarra di Martin Diaz, il sax di Marco Collazzoni, le percussioni di Saverio Federici. Avviene un miracolo nel miracolo, una donna, un’attrice, un’artista formidabile, che dialoga con autorevolezza con la sofferenza, la malattia, relegandola al proprio posto. Scevro da sentimentalismi e pietismo, Cirino e Marilda si può fare è un toccante esempio di ciò che, con la forza di volontà, la magia del teatro e l’essere umano possono essere capaci di compiere. Una personale ed esemplare risposta creativa.

Anna Marchesini

VERDETTAZZO

Perché:
Se fosse... un vento sarebbe... brezza estiva del mattino

Locandina dello spettacolo



Titolo: Cirino e Marilda non si può fare

di e con Anna Marchesini
musiche eseguite dal vivo da Aire de Mar
Martin Diaz chitarra
Marco Collazzoni sax e flauto
Saverio Federici percussioni
produzione Marisa srl


di e con Anna Marchesini musiche eseguite dal vivo da AIRE DE MAR Martin Diaz chitarra Marco Collazzoni sax e flauto Saverio Federici percussioni produzione Marisa srl Protagonista è il solitario professor Cirino Pascarella: “un’incantevole figura”, come racconta la stessa Marchesini, “candidata a essere completamente travolta da quella turbolenza di emozioni da cui ha sempre procurato di tenersi distante”. A complicargli la vita prova la signora Olimpia, tenutaria della Pensione Smeraldo, dove il professore vive, decisa a fargli sposare la figlia Marilda, ormai quasi quarantenne. Continua l’attrice: “con gioia attendo di raccontare questa storia in un palcoscenico che ho immaginato nudo e senza supporti scenici per permettere alla voce e al corpo di riscrivere ogni volta la storia, rappresentarla senza mai conoscerne la fine”. Con l’accompagnamento dal vivo del trio Aire de Mar.

Francesco Tomei
Autoironico gemello diverso (da quello serioso accademico), nasce sui monti di Barga, è laureato (due volte) nonché organizzatore teatrale. Approda a LSDA nel bel mezzo d’una metamorfosi da Pulcinella in dottore di ricerca. Si divide fra critica, canzoni (da scrivere) e archivio (da contemplare).