Free Porn





manotobet

takbet
betcart




betboro

megapari
mahbet
betforward


1xbet
teen sex
porn
djav
best porn 2025
porn 2026
brunette banged

Per Elvira, Servillo si fa in tre

Sguardazzo/recensione di "Elvira"

-

Cosa: Elvira
Chi: Brigitte Jaques, Toni Servillo, Petra Valentini
Dove: Milano, Piccolo Teatro Grassi
Quando: 11/10/2016
Per quanto: 90 minuti

Sentire applausi così sentiti e prolungati alla fine di quest’ultima impresa teatrale di Toni Servillo, in scena in prima nazionale al Teatro Grassi di Milano con un lavoro di Brigitte Jaques tratto da Elvire Jouvet 40, è un chiaro segnale che anche questa volta l’attore e regista campano ha trovato la chiave giusta per acchiappare il pubblico.

In questo Elvira, l’attore preferito da Paolo Sorrentino fa la parte di un regista teatrale (Jouvet) che, dalle prime file, osserva le prove di un pezzo del Don Giovanni di Molière, interrompendole continuamente. Le osserva assieme a noi e per un’ora e mezza: implacabile, corregge il tiro al modo di stare in scena della giovane attrice, mai contento di come lei, Claudia (la bravissima Petra Valentini), si ponga davanti al testo, insoddisfatto di come Elvira non riesca a far percepire la potenza di questo monologo. Talvolta sale anche lui sul palcoscenico e interpreta la parte della ragazza per meglio farle intendere come l’attore debba visceralmente vivere ciò che dice in scena. Di come non si debba mai essere soddisfatti del modo in cui si è recitato fino a ora. Di come gli attori debbano percepire che quando si misurano con un testo, si confrontano con un materiale poetico, che essi stessi, come dice Servillo in una recente intervista, «devono diventare poesia vivente per tendere a una incandescenza della resa interpretativa che confina con una sorta di immaterialità e che è esattamente la stessa  a cui tende una partitura musicale».

Un magistrale saggio sull’attore che cattura tutto il pubblico, tenendolo appeso alle proprie maieutiche labbra. Qui Servillo è al contempo regista, attore che recita la parte del regista, e attore che interpreta la parte di chi non ha ancora capito il segreto della presenza scenica. E noi, assieme all’attrice, con un senso di assoluta incapacità a eguagliare le vette interpretative di un simile esempio, tentiamo ostinatamente di riprodurre la maestria che lui ha nel recitare,  quasi come se non ci fosse un pensiero preciso, quasi fosse naturale il suo modo di pronunciare il testo, senza renderci conto che la verosimiglianza è frutto di un profondo scavo interiore. Non si deve recitare senza questa riflessione di fondo, altrimenti ripiombiamo nel teatro declamato che tanto ci appare stereotipato e non comunicativo. E neppure nella fatidica “recita naturalistica” che conduce direttamente verso le ingenuità amatoriali. La potenza del teatro è questa astrazione dissimulata con cui Servillo e i suoi attori ogni volta si ripropongono in scena, facendo uscire il pubblico con la voglia di ritornare a teatro.

VERDETTAZZO

Perché:
Se fosse... un architetto sarebbe... Guido Canali: l’elogio delle varianti, ma con un risultato sempre sorprendente

Locandina dello spettacolo



Titolo: Elvira

di Brigitte Jaques
da Molière e la commedia classica di Louis Jouvet
traduzione Giuseppe Montesano
regia Toni Servillo
costumi Ortensia De Francesco
luci Pasquale Mari
suono Daghi Rondanini
aiuto regia Costanza Boccardi
con Toni Servillo, Petra Valentini, Francesco Marino, Davide Cirri
coproduzione Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa, Teatri Uniti


Servillo incontra Jouvet. «Dopo anni in cui le sue riflessioni sul teatro e sul lavoro di attore mi hanno fatto compagnia nell’affrontare repertori diversi, da Molière a Marivaux, da Eduardo a Goldoni – confessa Toni – mi è parso necessario che arrivasse il momento di un incontro diretto». Con quello spirito che abbiamo imparato a conoscere e ad amare negli spettacoli ospitati ma anche coprodotti con la sua compagnia, Servillo si accosta a Elvire Jouvet 40 – testo caro alla storia del Piccolo in cui Brigitte Jaques trascrisse le Sette lezioni di Louis Jouvet a Claudia sulla seconda scena di Elvira nel “Don Giovanni” di Molière – affrontandolo nella nuova traduzione commissionata a Giuseppe Montesano, avendo accanto una giovane allieva, che incarna il futuro nella vitale trasmissione di sapere fra le generazioni. Trent’anni dopo Strehler, con Toni Servillo le riflessioni di Jouvet sul teatro e sul personaggio ritrovano nuovamente la stessa stringente attualità. «Elvira – spiega Servillo – porta il pubblico all’interno di un teatro chiuso, quasi a spiare tra platea e proscenio, con un maestro e un’allieva impegnati nel particolare momento di una vera e propria fenomenologia della creazione del personaggio. Trovo il complesso delle riflessioni di Jouvet particolarmente valido oggi per significare soprattutto ai giovani la nobiltà del mestiere di recitare, che rischia di essere svilito in questi tempi confusi».

Sergio Buttiglieri
Si occupa di “interior design”, essendosi imbattuto in Starck, Toyo Ito, Enzo Mari, Ron Arad, David Chipperfield e altri tipacci flippati con la ridefinizione delle forme, ma, da sempre, non può fare a meno di scrivere di teatro, di quello meno allineato, più instabile e destabilizzante.