Free Porn





manotobet

takbet
betcart




betboro

megapari
mahbet
betforward


1xbet
teen sex
porn
djav
best porn 2025
porn 2026
brunette banged

Un pifferaio che non incanta

Sguardazzo/recensione di "Il pifferaio magico"

-

Cosa: Il pifferaio magico
Chi: Compagnia Marionette Carlo Colla & Figli
Dove: Pistoia, Teatro Manzoni
Quando: 19/09/2015
Per quanto: 90 minuti

Fa un gran bell’effetto sedersi in una platea bella e ampia come quella del Manzoni di Pistoia e assistere a uno spettacolo di marionette; non solo per contravvenire la serie di luoghi comuni che non v’è necessità di ribadire in questa sede. Ottima l’idea d’abbinare la presentazione del nuovo cartellone con una recita della Compagnia Carlo Colla & Figli, plurisecolare realtà del nostro teatro di animazione (espressione che preferiamo a teatro di figura) che propone Il pifferaio magico, antica leggenda germanica raccolta, tra gli altri, dai fratelli Grimm.

L’ampio boccascena è occupato da un’ulteriore cornice, in un avvincente gioco d’incastri: al calar delle luci, ecco dischiudersi le porte della città di Hamelin, Bassa Sassonia, per una fantasmagorica scena corale: i toni pastello d’una scenografia minuziosa riempiono gli occhi subito attratti da un’autentica parata di figure antropomorfe che sfilano cantando. Marionette d’ogni foggia, impressionanti per grandezza, fluidità gestuale, paradossale umanità. È un trionfo coreutico, appoggiato sui brani dalla vaga eco lirica di Danilo Lorenzini e Giuseppe Azzarelli (testi di Enzo Oddone).

Il pifferaio magico - i birrai di HamelinInizia la vicenda, articolata, pure troppo, col giovane sognatore inviso all’inclita schiera di notabili, unanimamente proni alle ragioni d’un produttivismo ante litteram e, dunque, sordi ai richiami del sogno e della poesia. Ci sono, ovviamente, il Pifferaio e i topi lesti a invadere la scena, ma la drammatizzazione è a rischio d’un controproducente caos: molti i personaggi, altrettante le voci, senza caratterizzazioni sufficienti a scongiurar la pesantezza che qualsiasi intreccio dovrebbe rifuggire, figuriamoci una fiaba.
Discorso diverso, ma ugualmente critico, per voci e musiche: all’ammirevole trionfo del materico (nei fondali cangianti, nel dosaggio dell’illuminazione, nelle strabilianti personificazioni marionettistiche) s’abbina  una colonna sonora priva di sufficiente coerenza; non abbastanza “moderna” da infrangere il cliché fiabesco della parte visiva, ma neppure convincente in quel né carne né pesce tra suggestione operistica e sonorità quasi pop, impervia soluzione mezzana tra istanze d’ardua coniugazione. S’aggiunga una recitazione piuttosto telefonata, complice (così ci è parso) l’affidamento di questa alla registrazione, e il risultato è di generale anestesia.

C.Colla & Figli, 'Il pifferaio magico' (sito ufficiale), 261Ne esce un Giano bifronte d’allestimento: bello per l’occhio, deludente all’orecchio, col sovrammercato dei vari problemi di leggibilità narrativa. Come dire: se marionette debbon essere, si evitino diluizioni o ammodernamenti grossolani. Una leggenda affascinante come Il pifferaio di Hamelin (titolo originale d’una favola assai inquietante, riferita a un’incerta sparizione collettiva consumatasi intorno al 1350 col lieto fine aggiunto successivamente) presenta tutte le caratteristiche per trarne un capolavoro: l’oscurità della vicenda (i bambini “rapiti” da un agente esterno, o forse un’epidemia − si ipotizza Corea di Huntington), le varianti diegetiche, la possibilità di lavorare davvero su una pluralità di registri che coniughino fruizione adulta e bambina. Per paradosso, questo Pifferaio pare poco efficace sia al nostro sguardo consumato sia a quello ben più fresco (ma non più ingenuo, anzi) della quinquenne (e mezzo: non ci perdonerebbe l’errore, se ci leggesse) assopita crollataci in braccio a fine intervallo. E novanta minuti, per tutto ciò, sembrerebbero davvero troppi. Ci si consola con le marionette, nell’applauso finale giustamente tributato ai dieci (!) operatori che la caduta del cielo offre a una platea comunque soddisfatta.

Il pifferaio magico - il pifferaio ed il Borgomastro di Hamelin

VERDETTAZZO

Perché: Sì, oppure no
Se fosse... una pietanza sarebbe... soufflé bello a vedersi, ma poco gustoso

Locandina dello spettacolo



Titolo: Il pifferaio magico

Fiaba in due tempi di Eugenio Monti Colla Musica Danilo Lorenzini e Giuseppe Azzarelli Testi dei brani lirici Enzo Oddone Scene Franco Citterio Costumi Eugenio Monti Colla realizzati dalla Sartoria della Associazione Grupporiani Parrucche Carla Colla Voci recitanti Loredana Alfieri, Marco Balbi, Roberto Carusi, Piero Corbella, Fabio Mazzari, Lisa Mazzotti, Gianni Quillico, Franco Sangermano, Giovanni Schiavolin Registrazione musicale LaRiS - Milano Soprano Patrizia Roca Tenore Andrea Thomas Gambetti Basso Francesco Sorichetti Strumentisti del LaRiS Ensemble Erika Barba (flauto e ottavino), Paolo Sportelli (clarinetto), Daniele Moretto (tromba), Antonio Papetti (violoncello), Danilo Lorenzini (pianoforte) Effetti speciali Paolo Sportelli e Giuseppe Azzarelli Assistente di studio Claudio Marra Direttore Giuseppe Azzarelli Supervisione Danilo Lorenzini Registrazione studio GLANCE - MILANO Tecnico del suono Rino Carbone Montaggio Giovanni Schiavolin Direzione dell'allestimento Carlo III Colla Luci Franco Citterio, con la consulenza di Enzo Oddone Direzione tecnica Tiziano Marcolegio Regia Eugenio Monti Colla Produzione ASSOCIAZIONE GRUPPORIANI Comune di Milano - Cultura - Teatro convenzionato

Igor Vazzaz
Toscofriulano, rockstar egonauta e maestro di vita, si occupa di teatro, sport, musica, enogastronomia. Scrive, suona, insegna, disimpara e, talvolta, pubblica libri o dischi. Il suo cane è pazzo.